Premessa

Per ascoltare devi Consentire i controlli ActiveX


In questa sezione da me chiamata “L’angolo della riflessione”, troverai alcuni “miei” pensieri che, ti assicuro, non hanno l’intenzione di voler modificare le tue convinzioni, ma quelle di farti riflettere.
Ho scritto miei ma in verità sono pensieri maturati dalla vita, assimilati da ogni cosa che mi circonda, dalle mie esperienze e da quelle del prossimo, dalle mie riflessioni e da quelle di molti altri.
In fondo, ormai, ogni cosa e stata già detta e ripetuta chissà quante volte. Per fortuna i pensieri, così come le parole, non hanno padroni, non si può essere padroni di un pensiero, di una riflessione, di un qualsiasi discorso.
Tutti, indistintamente tutti, pensiamo e parliamo di cose già dette o pensate. Quindi, se volete, avete il permesso di usare i testi che troverete in questa sezione (ricordatevi di citare il sito).
I pensieri, seppur scritti, non hanno confini ne catene.

Devo anche precisare che questo sito non ha nessuna intenzione di convincerti a nessuna fede politica, nessuna fede religiosa, nessuna filosofia di vita. La mia unica vera intenzione è quella di poter riflettere con voi ma, ci tengo a precisare, le mie riflessioni non sono la verità, così come non saranno verità le vostre, perché, malgrado ti hanno fatto credere il contrario, nessuno è depositario della verità.

Se vuoi pubblicare le tue riflessioni, se vuoi collaborare con questo sito, sei il benvenuto.

Io sono un lampascione

  • io sono un lampascione

    Io sono un lampascione. Sono nato lampascione. Ho acquisito geneticamente dall’inconscio collettivo questa condizione. Poi, la società, consciamente o inconsciamente ha accentuato questa mia forma di essere.
    E allora? Che devo fare? Ribellarmi certo ma contro chi? ...

  • Ricordi di un lampascione

  • Ricordi di un Lampascione

    I primi anni della mia vita sono stati per me, ma credo per tutti noi, i più gioiosi. Non capivo allora tutte quelle regole che determinano l’infelicità umana. Per me era una gioia esistere, in me esisteva una dolce musica di sottofondo che non si esauriva neanche quando dormivo...