Il Testamento Olografo

Per ascoltare devi Consentire i controlli ActiveX



fiore

Il testamento olografo è scritto di proprio pugno dal testatore, con qualsiasi mezzo e su qualsiasi materiale che sia idoneo a tener traccia della scrittura. La mancanza di tale requisito, ad esempio in caso di testamento scritto da un terzo o con macchina da scrivere, comporta la nullità del testamento.
Deve essere scritto per intero, datato (giorno, mese e anno) e sottoscritto.
La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore.
La data deve contenere l'indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data tra più testamenti o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento.
Per evitare inconvenienti è sempre bene dichiarare la volontà molto semplicemente, sia per quanto concerne la forma dello scritto, sia per il contenuto.
La persona da beneficare va indicata con precisione; è nulla la disposizione con la quale si rimette ad altri l'arbitrio di determinare la quota di eredità, l'oggetto o la quantità del bene da assegnare; non sono ammesse condizioni impossibili e quelle contro l'ordine pubblico, la morale o che impediscano di sposare.
Il testamento deve indicare quali quote del patrimonio, ovvero quali beni determinati sono destinati a quali persone. Nel caso in cui il testatore non abbia rispettato le quote riservate dalla legge ai cosiddetti legittimari (coniuge, figli ed ascendenti legittimi nel caso in cui non vi siano figli - artt.536 c.c. e seguenti), questi, o i loro eredi o aventi causa, possono chiedere la reintegrazione della propria quota, oppure possono anche rinunciare a tale azione, rispettando la volontà del testatore.
Nel caso in cui non vi siano legittimari, il testatore può decidere in assoluta libertà a chi assegnare il 100% del suo patrimonio. Evitare di lasciare una qualche cosa con l'obbligo di non venderla (sarebbe nulla la disposizione).
Si ricorda che il testamento va trascritto (ed a ciò provvede il notaio dopo la pubblicazione) soltanto quando le disposizioni in esso contenute riguardano i beni immobili.
scarica il modello del testamento olografo in PDF (clicca qui)