Lampascioni. Breve introduzione

Per ascoltare devi Consentire i controlli ActiveX


Principali costituenti:

cercare

Amido, cellulosa, fibre solubili (mucillagini*), acqua, zuccheri, sali minerali, vitamine, principi antibiotici, zolfo, olio volatile, antimicrobiche, ecc..
(*) per mucillagini si intende una sostanza che contiene idrato di carbonio, che al contatto con l’acqua si gonfia e genera una sostanza viscosa utile per il nostro intestino in quanto rinfrescante ed emolliente. La sostanza viscosa, o gelatina, inoltre imprigiona gli alimenti rallentando così l’assimilazione di zuccheri e dei grassi.
LE MUCILLAGINI
Sono sostanze amorfe - costituite da polisaccaridi eterogenei che con acqua danno soluzioni colloidali non adesive [a differenza delle gomme]. Sono molto diffuse in natura e vengono estratte dalle piante che le contengono con acqua calda o bollente ma non sono ancora esattamente definite dal punto di vista chimico.
Le mucillagini sono difficilmente conservabili - pertanto vengono commerciate le droghe che le contengono come Altea - Malva - Calendula - Aloe - Psillio - Lino - Ispaghul.
L´azione farmacologica è legata alla capacità di rigonfiarsi in acqua producendo masse plastiche o dispersioni viscose che - se ingerite - possono avere azione lassativa meccanico-osmotica. Usate esternamente in impacchi hanno azione protettiva e antiinfiammatoria su cute e mucose lese.
Nella pratica fitoterapica le mucillagini sono sicure e hanno poche controindicazioni - si possono utilizzare efficacemente nei casi di stitichezza associata a stati infiammatori e nella stitichezza in gravidanza.

Proprietà:

lampascione

Rinfrescante, diuretico, emolliente, lassativo, stimolante generale e degli organi digestivi, stimola l’appetito e attiva le funzioni gastriche, stimola la secrezione biliare, pulisce gli intestini (previene il cancro intestinale per la sua azione anti putrida). E' anche dotato di un buon potere diuretico, antinfiammatorio e antimicrobiche, particolarmente utile nei casi di infiammazione della vescica e dell'intestino, ma anche antimicrobiche e antifungine verso batteri e ceppi di funghi del genere candida del biofilm (una comunità di batteri associati fra loro).
Uso esterno: pestato e con l’aggiunta di un po’ di miele può essere impiegato per accelerare la maturazione dei foruncoli, ascessi e ogni altra infezione sottocutanea purulenta.

ATTENZIONE
Coloro che amano andare in campagna per rifornirsi di lampascioni, non credo che abbiano bisogno di consigli. Mentre coloro che vogliono avventurarsi in questa piacevole, seppur faticosa, passione vorrei solamente avvisarli di fare estrema attenzione alla possibile confusione che si potrebbe fare con i bulbi delCOLCHICO (Colchicum autunnale) essendo quest’ultimo molto velenoso.
DA SFATARE: Alcune credenze popolari, attribuiscono a questo Bulbo poteri afrodisiaci. Non perdete tempo perché l'eventuale effetto benefico dei lampascioni è irrilevante, ai fini afrodisiaci, rispetto a quello molto più deciso dell'aglio.    continua ...

Muscari, Muscarino, Muscaria comosa, Lambascione, Pampascione, Cipollaccio, Cipolla canina, Cipolla selvatica, Giacinto delle vigne, Cipudazzu, Cevoddine, Scigolla, Purassa, Cipudda, Copollaccio dal fiocco, Cipullizza, Pampasciolo, credulone, ingenuo, scemo.

  1. Pagina 1

  2. Pagina 2

  3. Pagina 3

  4. Pagina 4

  5. Pagina 5

  6. Pagina 6

  7. Pagina 7

  8. Pagina 8

  9. Pagina 9 - Come coltivarli

  10. Ricette

  11. Foto

  12. Colchicchio

Ristorante "Il Lampascione"

  • Ristorante Il Lampascione

    Le ricette

    Antiche e nuove ricette a base di lampascioni.

    Continua ...